“Golasecca” a più non posso! Protagonisti Pampaloni e Lilli

Pomaia (LI), 9 agosto 2015 – Il Trofeo Golasecca Città di Pomaia di EndurCross, giunto con questa alla 19a edizione, è sicuramente un modo per mantenersi in allenamento oltre che divertirsi in compagnia e anche per misurare la propria resistenza in moto, poiché, seppur trattandosi di corsi motociclistici, hanno messo alla prova i concorrenti.
Il Moto Club Rosignano ha tracciato un vastissimo “fettucciato” dove lo scorso 9 agosto, dalla mattina sono scesi in campo per una serie di corsi sia gli Amatori che i Minicross, oltre a un Corso Hard Race a coppie.
Si tratta di un accrescimento sotto tutti i livelli per chi ha la passione per il fuoristrada motociclistico, offrendo la possibilità di confrontarsi con altri appassionati i quali, spesso, hanno avuto esperienze di livello superiore.
Fondamentalmente è questo uno dei motivi per cui reputiamo positive queste esperienze, e ogni anno speriamo vi siano altre gare o corsi come questi che permettano di stare insieme senza forzare la mano. Magari organizzati sempre più anche a misura di spettatore!
La calda giornata fuoristradistica, che proponeva un ricco programma di corsi, si è articolata su simulazioni di gare regionali con prove di partenza e un turbinio di sorpassi, evoluzioni e controsorpassi che hanno fatto chiudere con successo questa edizione.

Alla fine è stata stilata una sorta di classifica per dare un’idea di chi si sarebbe aggiudicato il confronto se fosse stata una competizione, così sarebbero risultati vincitori della gara hard race il fiorentino Fabio Pampaloni in coppia con il pratese Tommaso Lilli, rispettivamente davanti alle coppie Tommaso Guarnieri-Andrea Micozzi e Tomas Ragadini-Daniele Del Carlo.
Tra i Marathon avrebbe vinto questa 19a edizione Paride Costagli, davanti a Marco Lunardi e Massimo Cioni.
Il week end pomaiese è continuato con i corsi degli Amatori, che hanno visto le indicazioni cronometriche dare come vincitori, sempre se vi fosse stata una classifica ufficiale, Alessio Mazzamuto davanti a Alessandro Crocchi e Micael Giusti per la classe MX1, e Vittorio Bacci precedere Lorenzo Iacovelli e Giacomo Zammetti in MX2.

La voce di un protagonista a Pomaia: Fabio Pampaloni
Mi sembra che sia andato tutto alla perfezione. Sono partito quasi subito in testa, anche se poi il mio compagno è stato superato ma prontamente abbiamo reagito tornando poco dopo al comando fino alla fine della prova. Il tipo di terreno era abbastanza scivoloso e per questo stancante poiché bisogna mantenere una guida accorta, alla lunga diventa stancante, però gli enduristi sono abituati con le prove di cross test e quindi mi sono trovato bene”.
Hai già messo alle spalle l’infortunio che ti ha tenuto lontano dai campi di gara?
Si, per fortuna mi sono ripreso bene, complice anche la maturità che ho preparato senza distrazioni e così, ora, posso concentrarmi meglio sulle prossime gare autunnali”.
Come sta l’enduro Toscano in quanto a salute?
Il nostro enduro mi sembra che goda di ottima salute, inoltre sembra che si stiamo assistendo al tanto atteso cambio generazionale, con le nuove leve che stanno emergendo, anzi superando, con tutto il rispetto, alla vecchia guardia come Beconi, Paoli, Magherini. L’unica cosa è che le gare in Toscana dovrebbero essere ancora di più gare per tutti. I piloti bravi, o che si sentono tali, non devono mostrare il muscolo soltanto nelle gare regionali, devono andare a confrontarsi anche nelle gare tricolori, solo così potremo avvicinare di più gli appassionati”.

( ClaudiO )